RiME

di Federico Bertesi

Ol Gen 0521

Quando accendi un sistema di intrattenimento elettronico, hai un infinita serie di possibilità: puoi cercare la sfida all’ultimo pixel, cervellotici enigmi, gestire strategicamente un campo di battaglia, oppure puoi semplicemente lasciarti trasportare in una fiaba solare dai toni pastello.

Rime1

Così come il giovane protagonista abbronzato di Rime, ti fai rapire dall’isola misteriosa, verso luoghi suggestivi e incantevoli, pronto a risolvere semplicissimi enigmi e a scalare in scioltezza torri altissime; ma il punto di questo gioco non è il tentare 10 volte quel salto impossibile o di fare il doppio parry ad un cavaliere di Anor Londo, ma quello di lasciare da parte le ansie della vita di tutti i giorni per qualche minuto di pura gioia audiovisiva.

Rime2

Anche l’audio infatti gioca un ruolo importantissimo nell’esperienza: Le musiche orchestrali che accompagnano ciò che accade a schermo mi hanno fatto in più punti rizzare i peli delle braccia dall’emozione. Consiglio di giocare ad alto volume o con delle buone cuffie per ottenere il massimo dal gioco.

In conclusione posso affermare che non sia un gioco per tutti e nemmeno uno di quelli per cui valesse la pena sborsare il prezzo pieno al day one. Soprattutto alla luce delle magagne tecniche che affliggono la fluidità, con evidenti rallentamenti e sporadici scatti veri e propri, che vanno un po’ a rovinare l’immersione nel colorato mondo di RIME.Rime4

Rime3

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...